Archives 2018

Kimono ovvero l’arte di indossare storie – 7 – 19 Gennaio 2019 – Roma

Roma – 7 – 19 Gennaio 2019

Istituto Giapponese di Cultura – Roma

L’abito fa il monaco, il bambino, il giapponese, il fiore, come spiegano le quattro sezioni della mostra, ispirate a religione, infanzia, tradizione e natura, che vanno dipanando intrecci narrativi e icone su tessuto. Dalla collezione privata Manavello, in collaborazione con il Museo delle Civiltà di Roma, una selezione di pregiati kimono uomo/donna/bambino della prima metà del secolo scorso mostra risvolti (sociali), strascichi (antropologici) e storie, tessute, ricamate, tinte in filo e in capo, accompagnate da ikebana Ikenobo, Ohara e Sogetsu, bambole aquiloni e tutto il bello che c’è.
Il Concentus Study Group rappresenterà la scuola Sogetsu dal 7 al 19 gennaio 2019.

 

La Via dei fiori – Ivrea – 19 – 20 – 21 Ottobre 2018

Ivrea – 19 – 20 – 21 Ottobre 2018

Ivrea, Museo Civico P.A. Garda

www.museogardaivrea.it

Inaugurazione venerdì 19 ottobre dalle 17,00 alle 19,00
Giorni apertura dell’esposizione :
sabato 20 ottobre: dalle 15.00 alle 19.00
domenica 21 ottobre: dalle 15,00 alle 17,00

Ingresso Museo e Mostre: intero € 5,00 Ridotto € 4,00
Il Museo Civico P.A. Garda aderisce all’Abbonamento Torino Musei Piemonte

L’arte orientale continua ad essere di casa al Museo Garda che ospiterà, dal 19 al 21 ottobre p.v. “Ikebana – la via dei fiori”, la mostra di portata internazionale, realizzata con il contributo della Fondazione CRT e della Fondazione Guelpa, con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone in Italia e della Regione Piemonte.

Artisti della scuola Wafu Kai di Ivrea guidata da Ingrid Galvagni Tosei, le scuole Ohara di Milano, Kagei Adachi di Zurigo, Sogetsu di Roma, Firenze, Venezia e Merano, e Ichiyo di Ginevra, insieme per la prima volta in Italia, esporranno le loro ikebana al museo civico P.A. Garda.
Ospite d’onore della mostra sarà Geneviève Kokera Ausenda, Grand Master Ohara, che, per tutta la sua vita con grande passione e impegno, ha contribuito a diffondere l’arte dell’ikebana.

Wafu Kai
La scuola Wafu fu fondata nel 1896 da Wafu Teshigahara. Nel 1946 il direttore della scuola (iemoto), figlio primogenito del fondatore, ha introdotto uno nuovo stile di ikebana. Artista instancabile, ha presentato le sue opere in tutto il mondo, volendo trasmettere tramite l’ikebana un messaggio di pace e comprensione tra i popoli. La sua personale visione dell’arte dell’ikebana, riassunta nel motto “arrange flowers that you like – suitably – in a container that you like” , si diffuse in Giappone, Stati Uniti e Sud America. Dal 1992, l’attuale iemoto segue le orme dei suoi due predecessori.

Ohara
La scuola Ohara, fondata da Unshin Ohara alla fine del XIX secolo ma ufficialmente solo nel 1912, enfatizza le caratteristiche stagionali, i processi di crescita naturale e la bellezza degli ambienti naturali. Si tratta di un indirizzo che ha sviluppato, in particolare, lo stile definito moribana per rappresentare attraverso le composizioni floreali un’idea di paesaggio con connotazioni letterarie e pittoriche e definiti Bunjin e Rimpa.

Kagei Adachi
Choka Adachi, fondatore della scuola Kagei Adachi nel 1912, aveva come scopo liberare l’ikebana dalle forme e dagli stili tradizionali. I criteri da lui propugnati erano enfatizzare l’asimmetria, l’acqua in quanto elemento vitale delle piante, doveva essere visibile come parte della composizione.

Sogetsu
La Scuola Sogetsu (letteralmente “Erba e Luna”) venne fondata nel 1927 da Sofu Teshigahara, artista interessato al mondo moderno e fortemente influenzato dall’apertura delle frontiere del Giappone. Egli “tolse” l’ikebana dalla sua posizione abituale: il tokonoma. Utilizzando nuovi materiali e tecniche innovative affermò che: l’ikebana può essere fatto da tutti in ogni momento, in qualsiasi luogo con qualsiasi materiale.

Ichiyō
La scuola Ichiyo , fondata nel 1937 da Meikof Kasuya e sua sorella Ichiyo, ha cercato di adattare l’ikebana al modo di vivere contemporaneo pur mantenendo tradizioni e insegnamenti del passato. Nel 1983, Akihiro Kasuya divenne il terzo iemoto della scuola e introdusse performance teatrali, realizzando ikebana in cui predomina equilibrio e tecnica della tensione.

What Ikebana can do today – Workshop 22 – 23 settembre 2018 – Roma

Roma – 22 – 23 settembre 2018

Hotel dei Congressi – Viale Shakespeare 29

Lucio Farinelli e Luca Ramacciotti presentano 3 workshop che esplorano l’argomento “What ikebana can do today”.

Ad aprire il programma una conferenza di Sensei Lina Alicino Ran-Son sulla storia dell’ikebana Sogetsu in Italia, seguiranno i tre workshop:

1) “Aloe arborescens” – Una pianta originaria dell’Africa che sul Mediterraneo cresce facilmente. Un materiale difficile da trattare e abbinare; lo scopriremo con Lucio Farinelli che lo ha utilizzato anche per la foto pubblicata nel libro “Ikebana by emotions”.

2) “Ikebana comes out of the closet” – Ikebana e moda, da un progetto di Lucio Farinelli sviluppatosi in seno anche ad una collaborazione con lo stilista Massimo Alba, un workshop nel quale il contenitore non è un vaso ma un manichino.

3) “Composition Using Unconventional Material” – Applicare i principi dell’ikebana e i temi della scuola Sogetsu a del materiale inerte dandogli una nuova identità (Zenei-Bana) con Luca Ramacciotti.

Sonne Luna – Merano – 19 – 25 maggio 2018

Mostra di Ikebana Sogetsu
Concentus Study Group
19-25 maggio – Terme Merano

Mostra a ingresso gratuito, aperta dalle ore 11.30 del 19 maggio

Conferenza di Luca Ramacciotti: 19 maggio dalle ore 18.00

Workshop: sabato 19 maggio ore 14.30; domenica 20 maggio dalle ore 10.30
Costo: € 30,00; Durata: ca. 60-90 min.

Con questo nome “Sonne Luna” che unisce le due lingue di questa bellissima terra che è il Sud Tirolo (o Alto Adige), vi diamo il benvenuto al nostro evento che si compone di Mostra, workshop e conferenza a Merano. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Azienda di Soggiorno di Merano da Patrizia Ferrari del Concentus Study Group.

Kado – (via dei fiori) è l’antico nome della disciplina che poi comunemente sarà chiamata Ikebana (arte dei fiori viventi) e che mette in relazione l’uomo con la natura. Era considerata una delle tre arti classiche di raffinatezza (insieme al Kodo – la via dell’incenso – e al Chado – la via del tè). Le scuole di Ikebana sono numerose, ma tre sono le più celebri e diffuse: Ikenobo, Ohara e Sogetsu.
L’Ikenobo è la scuola che ha iniziato quest’arte e ne ha canonizzato i principi di regole e di estetica, l’Ohara è quella legata alla natura e alla botanica mentre la Sogetsu unisce la tradizione dell’arte dell’ikebana a una modernità di forme e di idee che spostano il baricentro da una semplice composizione di fiori a una vera e propria scultura legata anche all’ambiente in cui viene realizzata o collocata. Il suo fondatore Sofu Teshigahara la ideò secondo il motto: “Tutti possono fare Ikebana in qualsiasi luogo e con qualsiasi materiale”.

Dimostrazione di ikebana Di Silvia Barucci e Ilaria Mibelli – Firenze – 28 aprile 2018

Firenze – 28 Aprile 2018 H.15.30

Via Vittorio Emanuele II, 1

Le dimostrazioni di Ikebana Sogetsu di Silvia Barucci ed Ilaria Mibelli del Concentus Study Group si terrà durante la Mostra Mercato Primaverile dei Fiori.
Un ringraziamento particolare va alla Società Toscana di Orticultura che organizza e promuove la mostra ed in particolare il Dr. Alberto Giuntoli che ci ha messo a disposizione il bellissimo spazio per realizzare la nostra dimostrazione.

.

I fiori d’arte – Vernissage – Roma – 8 Aprile 2018

Roma – 8 Aprile 2018 H.18.30 – 23.30

Borgo Angelico 18A

Domenica 8 Aprile presso club Apres si terrà il vernissage della mostra collettiva di Ikebana realizzata da Lucio Farinellii e Luca Ramacciotti, dirigenti del Concentus Study Group. I maestri, insieme all’allieva Anne Justo, ci guideranno verso ’la via dei fiori’ , uno splendido percorso che propone sette opere testimoni del dialogo continuo e fecondo tra arte e natura, come padroni dell’universo. L’ikebana è un arte regolata da millenarie tradizioni e e poetici simbolismi, ci immergeremo dunque nelle infinite sfumature dei fiori.
“Non si deve considerare l’Ikebana come un oggetto fisso.
L’Ikebana è costantemente fluttuante.
Non si deve dare una forma all’ikebana.
L’ikebana ha una nuova forma per ogni nuova Era.”
(Hiroshi Teshigahara)”

Vi aspettiamo dalle ore 18.30.
Club Après, Borgo Angelico 18a.
Ingresso ridotto (18.30 – 20.30): 3 euro
Ingresso intero (dalle 20.30 in poi): 5 euro

“Ci sono fiori dappertutto per chi è capace di vederli” (Matisse).

Il fiore e l’argilla – Mostra di ikebana – 22 gennaio 10 marzo 2018

Roma – 22 Gennaio – 10 Marzo 2018

Pots – Via in Selci 64

L’atelier di ceramica Pots ospita nuovamente il Concentus Study Group.

Sebastiano Allegrini e Angelica Mariani ospitano la nuova collaborazione con il nostro gruppo: una mostra di ikebana con le ceramiche di Pots. Per un mese e mezzo saranno in mostra le composizioni dei membri del gruppo. Ci avvicenderemo cn cdenza settimanale, ogni sette giorni esporranno tre differenti ikebanisti.

Venite quindi a visitarci ripetutamente, ogni volta sarà un’eperienza differente.

Workshop sui profumi con Antonio Alessandria – 10 gennaio 2018

Roma – 20 Gennaio 2018

Hotel dei Congressi – Viale Shakespeare 29

Il percorso formativo di Antonio Alessandria inizia in Italia con Mouillettes and Co. e continua gli studi di composizione e formulazione presso Cinquième Sens a Parigi. Successivamente  approfondisce la materia grazie al contatto con affermati profumieri indipendenti.

Nel contempo, la voglia di condividere la propria passione con gli altri lo spinge ad avviare una nuova avventura: la creazione e la gestione a Catania di un salotto della profumeria artistica, Boudoir 36.
Il suo desiderio è quello di ricevere la gente in un luogo intimo, di raccontare la sua passione e di far conoscere le creazioni della più bella profumeria, in un ambiente che facesse dimenticare ogni riferimento geografico e temporale.

Realizza i suoi primi 3 profumi nel 2014 come un omaggio alla luna “Nacre Blanche”, “Nuit Rouge”, e “Noir Obscur”.Un anno dopo è lavolta di “Fleures et Flammes”. Nel 2016 realizza “Eperdutament” e nel 2017 “Gattopardo”. Le sue essenza sono ispirate alla sua terra, la Sicilia. Realizza profumi anche per un altro marchio italiano, “Nobile 1942”. I suoi profumi sono venduti in tutta Europa, America ed Emirati Arabi.

Durante il workshop si esplorà il mondo dei profumi in maniera scentifica e delle sensazioni che essi forniscono.